Passa ai contenuti principali

La femminilità, una trappola


Cosa può la letteratura? A chiederselo, Simone De Beauvoir, ora e ancora in libreria grazie all’edizione di 11 – un’ambassi -, scritti inediti dal 1927 al 1983 pubblicati da L’Orma che li affida a tante traduttrici, sotto il titolo La femminilità, una trappola, ma in inglese suona altrimenti Femininity, the trap.

Per quanto la riguarda, donna libera, la filosofa fu pronta a combattere sui due fronti che le mise di fronte il caso: contro gli uomini riottosi a una relazione alla pari, contro le altre donne, supinamente acquiescenti al mito dell’“eterno femminino”. Mito inventato dagli uomini con il plauso delle donne che intruppano contro se stesse per prima cosa. Quando studiava alla Sorbona, Simone rimase sconvolta a sentire le ragazze dire con umiltà: “E’ un libro da uomini. Noi non riusciremo mai a venirne a capo”. Le prime ad esserne convinte, d’essere inferiori, erano proprio le donne, tanto da inverare la loro inferiorità. Come dire che all’inferno ci finisce chi ci crede. “La donna è al tempo stesso natura e coscienza … è umana, capace di amore e di volere”. L’uomo la teme da sempre, le scrive un copione da “naturalmente inferiore”, per dominarla e mantenersi a posto, non c’è ingiustizia. Invece sì, troppa. Quando l’apostrofavano “La pensa in questo modo perché è una donna”, Simone rispondeva nell’unico modo diretto: “La penso così perché è vero”. Il suo coraggio è di chi sa che la realtà è divenire e ciascuno ne è un punto, nel caso degli scrittori un punto di vista. Unica donna quel 9 dicembre 1964 quando partecipò a un dibattito alla Maison de la Mutualité di Parigi, unica donna in un’assise di uomini, a dire la sua su “noveau roman”. E parlò, del genio come colui che osa per primo dove gli altri mai osarono, ci vuole solitudine e fierezza. Parlò dello scrittore come di chi vive nel proprio tempo, colui che sa offrire uno sguardo avvolgente, da far entrare nella tua vita, pure restando te stesso. Un libro ci parla, chi parla ha una voce, a ciascuno la sua e se è vera, “Abdico il mio io in favore di chi parla, e ciononostante resto me stessa”. Simone De Beauvoir sapeva il libro come qualcosa di inatteso per lo scrittore.

Sapeva la differenza tra letteratura e informazione, quest’ultima no, non ti porta in un’altra dimensione, un altro mondo, ti lascia davanti alla tv mentre sei a tavola e nonostante notizie e immagini da smettere di mangiare, continui come se nulla fosse. Altrove la letteratura autentica, lo scrivere per sapere perché si scrive, ma chi non si attiene alle regole scritte e non scritte suscita noia, indifferenza, e le immancabili critiche sinistre: “Mi è stato detto: L’angoscia per lo scorrere del tempo, l’orrore per la morte, va bene, ha tutto il diritto di sentirsi così. Ma sono affari suoi… non ce li venga a raccontare.” Da sinistra, ricevette molte lettere di questo tenore dopo la pubblicazione de “La forza delle cose”, Simone. A quanti scambiarono il mezzo con il fine erano dirette le sue parole: “Un dolore che trova la parola per raccontarsi smette di essere esclusione radicale, si fa meno insostenibile. Dobbiamo parlare del fallimento, dello scandalo, della morte, e non per far disperare i lettori ma, al contrario, per cercare di salvarli dalla disperazione.” Simone De Beauvoir non credeva bensì viveva un’alta idea di letteratura: rendere trasparenti gli uni altri.

Oggetto in Francia di un’esagerata ostilità, Simone De Beauvoir dà ancora fastidio, come scrive nella riflessione a fine libro, Annie Ernaux tradotta da Lorenzo Flabbi, mentre le traduttrici dei testi inediti sono Elena Cappellini, Beatrice Carvisiglia, Camilla Diez, Claudia Romagnuolo, Elena Vozzi.    

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Senza

  Compenetrarsi è il sogno di tutti gli amanti, non capita a tutti però, almeno non così intensamente come a La e Pa, sposi per quarantatré anni, insieme finché morte non venne a portarsi via Pa, otto anni or sono. Senza di Lanfranco Caminiti è dolore che parla per dirla con Soren Kierkegaard, un libro che nella copertina bella bella – una finestra che si apre su un mare piatto -, porta scritto “romanzo”, ma aprirlo a qualsiasi pagina reca in dono al lettore verità distillate. Dolore purificato non addolora, non muove a compassione, libera tenerezza semmai, addolcisce i cuori, anche quelli ridotti a un “grosso bubù” come pensa Clov di Beckett. Per riuscire in questa immane impresa – spesso i cuori dei lettori non sono più vivi -, l’autore non ricorre a nessuno stratagemma, non c’è trucco, riesce con forza altrettanto immane a essere sincero, di una sincerità a fin di bene se la vita lo è. Il che non esclude beninteso la finzione, ciò nonostante la supera, va oltre. Scende negl

L'Orma - Dickens Van Gogh Wilde

  Volete fare un regalo utile e inutile insieme? Davvero trendy? Leggero, ecologico e culturalmente valido? Prendete uno degli ultimi pacchetti de L’orma editore, tre giganti: Van Gogh, Dickens e Wilde. Costano sette euro l’uno, possono essere spediti nella buca delle lettere dopo l’affrancatura a 1,50 euro, la via più semplice; o se vi capita di stare alla posta, con piego di libri spendete 1,25 euro. Sono lettere, carteggi, fogli di fronte cui essere come si vuole, tendenzialmente sinceri. Sincero era Van Gogh, quando scriveva di Dickens all’amico Van Rapperd: “Non c’è un altro scrittore che è pittore e disegnatore come Dickens. Le sue figure sono resurrezioni.” Lo racconta Massimiliano Borelli, curatore del gigante inventore di Pip e Oliver, David, quel Charles di cui “basta citare il lemma dickensiano”, per vedersi immersi in fumosi vicoli londinesi di metà Ottocento, o strade grigie topo dove s’aprono fabbriche rumorose. Viveva nell’incubo di tornare povero come agli inizi, il b

Il pozzo e l'ago - Intorno al mestiere di scrivere

  No, non è un manuale, l’autore lo nega a più riprese; sì, è un libro utile e bello, bello assai. Il pozzo e l’ago è un viaggio meraviglioso intorno al mestiere di scrivere; per Einaudi lo ha pubblicato Gian Luigi Beccaria, linguista e filologo, “studioso dello stile” recita la quarta di copertina. È un libro che ho letto avidamente e subito ricominciato non appena finito. Si è fatto leggere, per ora, due volte in un mese. Lo terrò accanto. Mestiere lento, lo scrivere, conta il talento ma ancor più l’ostinazione, la ricerca. Manzoni dedica quasi una vita a fare e rifare I Promessi sposi . Lo scrittore è un artigiano paziente, ché scrivere, al contrario di quel che si crede, non è lasciarsi andare, è fatica controllata. Un artigiano – Proust sosteneva che uno scrittore attende a un’opera come una sarta cuce un vestito, lavorando in modo incessante, meticoloso, costruttivo –, un artigiano dalle mani d’oro, come quelle di Elsa Morante che scriveva sempre a mano. Ancor più lavora d