Passa ai contenuti principali

Il cannocchiale del tenente Dumont




Avercela una penna capace di disegnare con le parole, sarebbe da farsi qualche bracciata a nuoto, come consigliava Giuseppe Pontiggia.

Poi, scrivere. E magari dipingendo, con le parole arrivare in alto, a guardare da lassù. Avercela una penna così, con un niente spalanchi vedute mozzafiato e un attimo dopo sei nell’erba, a indovinare gli insetti dal rumore che fanno. Con una penna così, pochi cenni – un tripudio di rondini - e sei dentro fino al collo in una cronaca di diserzione, storia incredibile ma verisimile. Quanto al Dumont del titolo, è la fonte del racconto, lui è quello delle domande, disegna fin da ragazzino, suo padre lo esortava a sapere cosa pensasse guardandolo nelle pupille. Dal 6 maggio grazie a L’Orma in libreria, Il cannocchiale del tenente Dumont di Marino Magliani è romanzo con al centro un tenentino dell’esercito napoleonico in Egitto, è l’estate del 1799 e dall’Africa sta per essere rimpatriato con il capitano Lemoine e il soldato basco Urruti, insieme consumano hascisc.

Dumont arriverà a detestare il cannocchiale, ricordo di una contemplazione forzata. Libro che solo ad aprirlo sembra di esserci, acquattati nella visione, sembra di stare al cinema o se volete restare nella pagina magari a piè o a margine, accanto a un nome greco, Mareotis, scritto di pugno da un chirurgo di origini olandesi, attivo negli accampamenti intorno a Jaffa: Johan Cornelius Zomer.

Mareotis è il nome di un esperimento di medicina, prima ancora di un lago salmastro vicino la foce del Nilo: ai dì delle Piramidi, Napoleone volle sapere il perché di tante defezioni dalle sue truppe, volle una commissione di ufficiali e scienziati, dissero che la peste intorno a Jaffa era la prima causa.

A Zomer “la missione” di vedere nell’uso dell’hascisc spacciato lungo le rive del lago, la vera causa delle diserzioni, e Dumont Lemoine e Urruti sono le cavie dell’esperimento Mareotis: pedinati dall’Africa all’Italia, sempre.

Lo saranno sulla Carrère, nave che dall’Egitto li porta in Europa, mentre sulla gemella Muiron naviga Napoleone. (L’ultima volta l’ho incontrato durante la prima serrata, leggendo Tolstoj, Guerra e pace. Lì in tutta la sua presenza, qui di sghembo, decisivo e marginale a un tempo).

Dumont finirà in sanatorio, poi si ritroveranno dopo Marengo, battaglia persa alle cinque e vinta alle sette, due ore per darsi alla macchia, nell’impervio entroterra ligure.

Ci resteranno mesi da disertori in fuga, nascondendosi di giorno e camminando la notte, nutrendosi di erbe e frutta, radici, aggrappandosi alle ginestre, inciampando e scivolando. Valloni ingialliti dai fiori e pietraie, terrazzamenti ed erba alta che odora forte, mai il mare, mare da raggiungere grazie alla memoria e alle carte del capitano Lemoine che in Italia trascorse la gioventù.

Lui è l’esperto, “lui ha i soldi, il cannocchiale, i contatti per il futuro”. Capitano segnato dalla tisi, li porterà fino a Porto Maurizio, finalmente il mare, l’azzurro degli ulivi che vira al turchese. Da lì il sogno è imbarcarsi clandestini per Cipro, ma non andrà così, l’autore, Marino Magliani, sotto la penna ha una riserva piena di sorprese.

C’è gioia di scrivere in ciascuna delle duecentottantasei pagine di questo romanzo che riecheggia di voci nelle valli, fiato corto di paura quando incontrano con falci e forconi i contadini, o ronde piemontesi o francesi, sbandati o banditi.

Pagine vive, teatro di odori e sapori, freddo e sole a picco. E coscienza.

Oltre la fonte, i dispacci, le lettere, la voce di Zomer, che a un tratto si firma traducendosi in italiano, Giovanni Estate e così avverrà per Dumont – lui che se non esercita l’occhio, sta sdraiato nell’erba, o disegna con un coltellino animali, profili umani. Sognatore senza sogni, segnerà col suo passaggio quelle valli.

Non manca nemmeno la commozione, l’intenerimento del cuore che batte a ogni colpo di scena. L’hascisc, l’ultima riserva, la getterà via Dumont quando madre natura, perturbante, lo libererà di ciò che lo legava a Lemoine e Urruti, da lì in poi sarà un precipitare annunciato. Niente paura, mancano ancora cento pagine e per voce di Zomer tutto si dipanerà come una matassa in un doppio triplo finale, epilogo straordinario che vorresti non finisse.


 

Commenti

  1. Che bella lettura, grazie, davvero, e mi piacerebbe chiamarla per nome.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Camminare può cambiarci la vita

  Flaneuse, mi dicevano. Camminavo tantissimo, mi piaceva perdermi nella mia città e poi, chissà come, ritrovare la strada di casa. Leggendo Camminare può cambiarci la vita del neuroscienziato Shane O’Mara, ho finalmente capito come riuscissi a tornare all’ovile sana e salva e, mirabilia del nostro cervello, come siano possibili i viaggi nel tempo mentali oltreché quelli fisici nello spazio. Tutto comincia settant’anni fa con la scoperta, di Edward Chace Tolman dell’Università di Berkeley, di quella mappa astratta dell’ambiente che il cervello crea per potersi orientare nel mondo tridimensionale, la cosiddetta mappa cognitiva. Da settant’anni in qua il quadro di questa preziosa mappa si è fatto, grazie a studi ed esperimenti via va più sofisticati, sempre più complessa. C’è un vero e proprio sistema Gps nel cervello, distribuito in più aree ovviamente connesse e tanti sono i tipi di cellule che contribuiscono al senso dello spazio. Un sesto senso silenzioso, detto propriocezione c

L'Orma - Dickens Van Gogh Wilde

  Volete fare un regalo utile e inutile insieme? Davvero trendy? Leggero, ecologico e culturalmente valido? Prendete uno degli ultimi pacchetti de L’orma editore, tre giganti: Van Gogh, Dickens e Wilde. Costano sette euro l’uno, possono essere spediti nella buca delle lettere dopo l’affrancatura a 1,50 euro, la via più semplice; o se vi capita di stare alla posta, con piego di libri spendete 1,25 euro. Sono lettere, carteggi, fogli di fronte cui essere come si vuole, tendenzialmente sinceri. Sincero era Van Gogh, quando scriveva di Dickens all’amico Van Rapperd: “Non c’è un altro scrittore che è pittore e disegnatore come Dickens. Le sue figure sono resurrezioni.” Lo racconta Massimiliano Borelli, curatore del gigante inventore di Pip e Oliver, David, quel Charles di cui “basta citare il lemma dickensiano”, per vedersi immersi in fumosi vicoli londinesi di metà Ottocento, o strade grigie topo dove s’aprono fabbriche rumorose. Viveva nell’incubo di tornare povero come agli inizi, il b

Il pozzo e l'ago - Intorno al mestiere di scrivere

  No, non è un manuale, l’autore lo nega a più riprese; sì, è un libro utile e bello, bello assai. Il pozzo e l’ago è un viaggio meraviglioso intorno al mestiere di scrivere; per Einaudi lo ha pubblicato Gian Luigi Beccaria, linguista e filologo, “studioso dello stile” recita la quarta di copertina. È un libro che ho letto avidamente e subito ricominciato non appena finito. Si è fatto leggere, per ora, due volte in un mese. Lo terrò accanto. Mestiere lento, lo scrivere, conta il talento ma ancor più l’ostinazione, la ricerca. Manzoni dedica quasi una vita a fare e rifare I Promessi sposi . Lo scrittore è un artigiano paziente, ché scrivere, al contrario di quel che si crede, non è lasciarsi andare, è fatica controllata. Un artigiano – Proust sosteneva che uno scrittore attende a un’opera come una sarta cuce un vestito, lavorando in modo incessante, meticoloso, costruttivo –, un artigiano dalle mani d’oro, come quelle di Elsa Morante che scriveva sempre a mano. Ancor più lavora d